Senza categoria

Le nostre verdure fermentate in vasetto

Dopo anni di sperimentazione nell’autoproduzione dei processi di fermentazione sulle nostre verdure, abbiamo finalmente deciso di condividere con voi questo meraviglioso mondo fatto di un’esplosione di sapori, e di realizzare un progetto che da tempo avevamo in mente.
Per chi non ha tempo o voglia di cimentarsi nella preparazione casalinga delle verdure fermentate, abbiamo realizzato la nostra prima linea di verdure fermentate che non vedevamo l’ora di farvi assaggiare.

Abbiamo conosciuto Alberto e il suo laboratorio artigianale La Bottega del Fermentatista, specializzato nella produzione di fermentati, durante le distribuzioni dell’Alveare di Arona, dove abbiamo assaggiato i suoi prodotti e abbiamo capito che avevamo trovato la persona giusta con cui avremmo potuto instaurare una collaborazione.
Le prime ricette che abbiamo voluto provare sono i crauti di cavolo cappuccio verde, i crauti di cappuccio viola e finocchio, e il kimchi delicato e il kimchi piccante (una preparazione di origine Koreana a base di cavolo cinese e altre verdure fermentate).

Introdurre alimenti vivi non pastorizzati nella propria alimentazione rende l’”ecosistema” del nostro microbiota più ricco e vario, aumentando quindi la sua capacità di rafforzare il nostro sistema immunitario.
Se conoscete già gli alimenti fermentati saprete bene come siano importanti per arricchire il nostro intestino con batteri benefici per il nostro organismo. Se non li avete mai assaggiati è arrivato il momento di farlo: se siete vicino a noi potete provarli sapendo che sono sempre le nostre verdure, solo trasformate dal processo di fermentazione spontanea di verdure+sale. Se invece abitate lontani, cercate dei prodotti simili nei negozi vicino a casa vostra, l’importante  è che non siano pastorizzati (i fermentati sono alimenti “vivi” e la pastorizzazione limiterebbe o eliminerebbe il loro effetto benefico).

Una volta aperti, i vasetti vanno conservati in frigorifero, dove potranno stare per un lungo periodo di tempo senza deteriorarsi (a patto di mantenere le verdure sommerse dalla loro salamoia con un pressello).
Potrete abbinare le verdure fermentate ai vostri piatti in moltissimi modi senza doverle cucinare, semplicemente utilizzando il loro sapore naturale come accompagnamento di altre verdure o ai cereali.

Se li provate fateci sapere cosa ne pensate e cosa vi piacerebbe provare: noi siamo sempre aperti alle nuove sperimentazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *